occhiali da riposo cosa servono
Occhiali da vista 13.02.2019

Cosa sono e quando vanno utilizzati gli occhiali da riposo

Apriamo questo approfondimento sugli occhiali da riposo facendo chiarezza su un aspetto fondamentale: gli occhiali da riposo, detti anche riposanti o riposa-vista, di fatto non esistono. Si tratta di una definizione che viene utilizzata nel linguaggio comune e anche da una parte degli addetti ai lavori per indicare degli occhiali con lenti che apportano solo una minima correzione alla vista o che sono caratterizzate da filtri luminosi particolari. I cosiddetti occhiali da riposo si suddividono quindi in due particolari categorie: occhiali per pc e occhiali da lettura. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta e quando e come questi dispositivi possono essere realmente utili al mantenimento o al ritrovamento del benessere visivo.

OCCHIALI DA RIPOSO PER COMPUTER

La vista oggi è messa alla prova in modo particolare dal forte utilizzo di schermi luminosi: non solo quindi il televisore, ma anche computer, smartphone e tablet sono entrati a far parte della nostra quotidianità e spesso vengono usati non solo per lavorare, ma anche nel tempo libero. Per questo sono sempre più richiesti i cosiddetti occhiali da pc, o in altri casi definiti anche occhiali comfort o, come abbiamo visto, più genericamente, occhiali da riposo. Questo tipo di occhiale è di solito caratterizzato da un filtro luminoso e permette di godere di un campo visivo potenziato sia da vicino che a media distanza portando così diversi benefici:

  • postura più rilassata,
  • riduzione dello sforzo visivo,
  • contrasto alla secchezza oculare
  • contrasto alla difficoltà di messa a fuoco dovute a all’esposizione a diverse fonti di illuminazione e in particolare dalla cosiddetta luce blu che è proprio quella emessa dagli schermi dei dispositivi elettronici.

Il ricorso agli occhiali per pc è indicato quando si riscontrano reali disagi alla vista davanti al computer, il che accade con maggiore frequenza dopo i 40 anni. In ogni caso, prima di acquistare un paio di occhiali per computer è bene chiedere il parere del proprio oculista e farsi poi seguire nella scelta da un ottico di fiducia.

OCCHIALI DA RIPOSO PER LEGGERE 

Almeno parzialmente diverso è il funzionamento e quindi il corretto utilizzo degli occhiali da lettura, anch’essi spesso genericamente definiti occhiali da riposo. La differenza è fondamentale per due ragioni: innanzitutto il computer è di solito posto a una distanza dagli occhi superiore rispetto a quella di un libro, in secondo luogo uno schermo è luminoso mentre per leggere da un supporto cartaceo è sempre necessaria una fonte di luce esterna, che può essere naturale o artificiale. Gli occhiali da lettura sono quindi di fatto occhiali monofocali da vicino che effettuano una leggera correzione sulla vista. Sono utilizzati soprattutto dopo i 40 anni in caso di lieve prespiobia.

Gli occhiali da lettura, così come quelli da pc, vanno comunque sempre acquistati dopo un consulto con un oculista e da un ottico di fiducia: meglio evitare quelli premontati che si possono trovare al supermercato o in edicola, che non sono tarati sul volto di chi andrà ad indossarli e sulle specifiche caratteristiche ed esigenze di ciascuno. Anche in questo caso è bene ricorrere agli occhiali solo se c’è una reale necessità e in particolare se si riscontrano difficoltà a mettere a fuoco e a leggere nitidamente lettere e parole, magari scritte con caratteri particolarmente piccoli.