ray ban aviator Top Gun
Occhiali nel cinema 09.02.2019

Top Gun e Ray-Ban: un mix di modelli divenuti storici

Siamo nel 1986, ci troviamo di fronte ad un cinema che offre la prima visione di un film che cambierà per sempre il modo di apparire di moltissime generazioni di adolescenti, sia statunitensi che del resto del mondo, una moda che travolgerà migliaia di giovani. Stiamo per entrare a vedere un film il cui titolo è già storia: Top Gun.

Il film

L’incisività della vicenda, nonché la sua ambientazione, creerà il mito. Si tratta di un capolavoro di Tony Scott. Il film è stato ispirato da un articolo comparso sulla rivista California qualche tempo prima.Il lungometraggio crea, in poco tempo, moda in ogni possibile settore: abbigliamento, occhiali, auto, aerei, modo di pensare, modo di parlare, ma sicuramente, l’impatto più forte si ha proprio per quanto riguarda gli occhiali da sole.

Anche il cast è d’eccezione: Tom Cruise, nei panni del tenente Pete “Maverick” è accompagnato lungo il corso degli eventi da una splendida Kelly McGillis e da attori indimenticabili quali Anthony Edwards, Val Kilmer e Tom Skerritt. Da non dimenticare la piccola parte interpretata da una giovane e bellissima Meg Ryan nei panni della moglie di Goose.

Ma veniamo a noi e come al solito partiamo dalla notizia più popolare per poi andare oltre, ad arricchirla di particolari e dettagli meno conosciuti.

Il tutt’uno fra Top Gun e Ray-Ban

Tutti sanno che uno dei film ad avere maggiormente cristallizzato la fama, la bellezza e la popolarità dei Ray-Ban Aviator è stato proprio Top Gun, con il suo protagonista Tom Cruise. È vero, non possiamo, ne vogliamo, discutere un merito tanto indubbio e clamoroso. Se siete stati giovani nel 1986 è quasi impossibile che non siate stati almeno per un momento rapiti dal fascino della storia e dalle prodezze di Tom Cruise.

Già da molti anni i Ray-Ban Aviator erano apparsi sulle scene dei set cinematografici a proteggere gli occhi dal sole, in moltissime inquadrature di moltissimi capolavori del cinema hanno imposto la loro magia ed ancora oggi offrono alla star che li indossa un non so che di particolare e, soprattutto, la sicurezza di una linea intramontabile.

Una silhouette inconfondibile e perfetta, tanto da poter affermare che nessun brand al mondo è mai riuscito a fare nulla del genere e nessun brand al mondo è stato mai così tanto copiato come è accaduto, e tutt’ora accade, a Ray-Ban con gli Aviator.

Curiosità su Top Gun

Quello che è meno popolare e che quindi meno persone conoscono è che sono stati due i modelli che Ray-Ban ha utilizzato in Top Gun, per due profili molto differenti fra loro. Nel film, al fianco di Tom Cruise, c’è un secondo pilota dall’aspetto fisico opposto a quello di Maverick e per questo, con la necessità di un paio di occhiali molto differenti che si sarebbero dovuti imporre per tutti quelli che presto avrebbero scoperto che non avevano né il fisico né l’aspetto per poter portare un paio di Aviator con la stessa incisività di Maverick

Ed ecco quindi apparire sul volto di Goose un paio di Ray-Ban Caravan. Mav è scuro di capelli e con il volto “in carne”, Goose è più magro e slanciato con capelli chiari, serviva perciò un paio di occhiali profondamente diversi dagli Aviator e il modello Caravan rappresentava la soluzione perfetta per dare valore a lineamenti e caratteristiche del volto tanto particolari.

Un cast a prova di Ray Ban

Quello che pochissimi sanno, e che vogliamo sottolineare per concludere questo rapido passaggio sul film Top Gun in relazione al noto brand di occhiali da sole, è che Ray-Ban non ha imposto la sua presenza nel film con due soli modelli. I modelli maggiori sono ben 7 e se si contano i modelli minori possiamo arrivare e oltrepassare la soglia della decina. Ci fermiamo qui ai 7 maggiori, elencandoli e sottolineando il personaggio che li ha indossati. Ulteriori approfondimenti saranno possibili nei successivi capitoli di questa rubrica:

  • Ray-Ban Aviator RB3025 62mm: tenente Pete Mitchell “Maverick”
  • Ray-Ban Caravan RB3136 58mm: Nick Bradshaw “Goose”
  • Ray-Ban Shooter 3138 62mm: Tom Kazansky “Iceman”
  • Ray Ban Aviator RB3025 55mm: Ron Kerner “Slider”
  • Ray-Ban Clubmasters RB3016 49mm: Leonard Wolfe “Wolfman”
  • Ray Ban Aviator Flat Metal 3513 58mm: LTJG Marcus Williams “Sundown”
  • Ray-Ban Outdoorsman RB3030 58mm: Air Boss Johnson

Si tratta di 7 modelli di punta di Ray-Ban alla metà degli anni ’80, ma quello che è davvero sbalorditivo è che ancora oggi questi modelli non solo restano famosi, ma sono tornati ad imporsi come nuova tendenza con variazioni di colore e materiale, ribadendo l’indiscusso talento del brand americano di poter creare linee che ottengono il favore di intere generazioni anche molto lontane fra loro.